40-anni-2

Collezione Vespa Mauro Pascoli dal 1946

La collezione privata Mauro Pascoli è il frutto di una passione iniziata oltre 30  anni fa, raccogliendo tutto ciò che è inerente al mondo Piaggio.
Molto presto questa passione ha contagiato la moglie Loretta e successivamente il figlio Raffaele, culminando nella creazione di un associazione culturale denominata “La Bella in Mostra”, con lo scopo di rendere fruibile al pubblico la collezione.

Il museo si estende su 2 piani per una superficie di 500 mq. Sono presenti oltre 150 veicoli tra Vespa, Ape, Moscone, ciclomotori Piaggio; oltre 1500 immagini tra manifesti, locandine, fotografie, poster, calendari Piaggio; circa 1000 placche di partecipazione a raduni, 300 trofei e coppe di gare di regolarità e giri turistici.
La collezione comprende inoltre più di 300 modellini giocattolo, 30 modelli di giocattoli a pedali o elettrici e un’enorme varietà di accessori originali dal 1946 ad oggi.
La collezione comprende anche una ricca documentazione cartacea Piaggio, composta da oltre 200 Cataloghi parti di ricambio e Manuali di stazione di servizio, circa 200 libretti Uso e Manutenzione e una vasta quantità di notiziari e pubblicazioni Piaggio.

La raccolta si è inoltre ampliata con la donazione di materiali da parte di alcuni appassionati vespisti, nell’intento di salvaguardare e rendere visibili i loro ricordi legati al mondo vespistico; tra questi vi sono quelli di Franco Ortolani, campione italiano di Vespa Raid.

La Collezione Vespa Mauro Pascoli fa parte del circuito “Terra di Motori”, composto da 13 musei di auto e moto storiche. Si tratta di un progetto interregionale del Ministero delle Attività Produttive, finalizzato a valorizzare questo settore del patrimonio storico e culturale italiano.

L’Assessorato al Turismo della Regione Emilia Romagna, con il coordinamento della Provincia di Modena, sta portando avanti questo progetto con i marchi “Terra di Motori” e “MotorValley”.

DSC_8085_res
IMG_5057_res
IMG_4983_res
DSC_8125_res
DSC_8084_res
DSCN0691_res
DSCN0649_res
DSCN0624_res
DSCN0608_res
DSCN0628_res
DSC_8086_res
DSC_8113_res

Museo

Il museo è nato dalla collezione privata di Mauro Pascoli che, ha voluto allestire un’area espositiva adiacente alla sua attività, per raccontare la storia di questo piccolo scooter che è ancora oggi in grado di suscitare grandi emozioni.
Visitando il museo si viene guidati, attraverso un attento percorso espositivo, alla scoperta del mondo Vespa, con la sua storia e le sue stravaganze. La Vespa infatti, più che un mero mezzo di locomozione ha rappresentato una svolta epocale per la società. Simbolo della rinascita del dopoguerra con la sua comparsa nel 1946, da mezzo pratico ed economico, quasi una utilitaria su due ruote, diventò subito un fatto di costume.

L’area espositiva è suddiva in:

  • I più significativi modelli di Vespa; dalla prima 98 ai moderni PX del 2000 e la Vespa 250 GT60° prodotta nel 2006 in soli 999 esemplari in occasione del 60° anniversario della nascita della Vespa per poi passare all’ultimo modello prodotto, la 946.
  • “Le straniere”: Vespa prodotte su licenza francese, inglese, tedesca, russa, etc.
  • L’area riservata al cugino “APE”
  • La Vespa nel cinema
  • Il Vespa Club e il movimento vespistico nel mondo
  • Collezionismo, e memorabilia

L’esposizione vanta infatti una vasta collezione di oggettistica legata al mondo Vespa compresi libri, riviste, cartoline, calendari, manifesti, poster, fotografie, modellini, giocattoli, placche e coppe raduni e molto altro ancora.

Vespa 98 -1946

Primo modello di Vespa prodotto dalla Piaggio con telaio rigido.
Motore monocilindrico orizzontale a 2 tempi con cilindrata 98 c.c., cambio a 3 marce che raggiungeva bensì una velocità massima orario di 60 km. e di una autonomia di 250 km. Questa Vespa non montava il cavalletto ma si inclinava lateralmente su un lato. E’ stata prodotta per 2 anni con alcune variazioni.

Vespa 125 -1951

Il 1951 è un anno di grandi innovazioni per la Vespa: la più importante è l’eliminazione delle “bacchette” di comando del cambio, sostituite ora da cavi flessibili.La sospensione posteriore viene dotata di ammortizzatore idraulico.
Cambiano poi la sella ( più larga), il pedale del freno, il fanalino posteriore e quello anteriore (ingrandito e spostato indietro), il silenziatore e il braccio porta motore. Infine, un occhio di riguardo anche per il passeggero: la pedana viene prolungata all’indietro di 10cm. Per favorire una sua più comoda sistemazione. Usata nel  famoso film “Vacanze Romane” con Gregory Peck e Audrey Hepburn.

Vespa TAP

Modello militare, nasce in Francia nel 1956 destinata alla guerra in Algeria.
Motore da 150 c.c., rapporti di cambio modificati e struttura rinforzata con vistosi adattamenti tecnici.
Si prevedono la forcella al manubrio sulla quale imperniare il fucile mitragliatore, l’apparecchio radio sotto la sella e, uno scudo rinforzato  più resistente ai colpi di arma da fuoco a distanza.

APE Calessino 125 modello Giardinetta dal 1947

Usato soprattutto come taxi nelle località marittime tra le quali le più famose Capri , Ischia e Riccione. Famosa è la foto con  Charlie Chaplin a Capri nel 1956.Il sedile posteriore offre un comodo spazio per 2 persone. Disponibile anche nella versione trasporto commerciale.

Vespa 90SS

Particolarissimo modello sportivo, dal design stravagante e originale: disegno giovane, leggero, colorato, divertente, sinonimo d’avventura, libertà e indipendenza. La Super Sprint nasce per i “giovani sportivi”: si guida dai 16 anni d’età ed è rivolta soprattutto a chi cerca “qualcosa di speciale” fra i motocicli leggeri.
Vista dal davanti si può notare lo scudo frontale rastremato verso l’alto e con un ingombro limitato per ridurre al massimo la resistenza aerodinamica.
Inoltre il manubrio è stretto e leggermente abbassato.
Caratteristica di questa Vespa è il bauletto portaoggetti  sistemato fra sella e sterzo. Nella parte superiore del bauletto è presente un cuscino poggia-petto che consente la posizione di guida “distesa” tipica delle moto da corsa. Sotto il bauletto è alloggiata la ruota di scorta

Orari di apertura

Martedi, Mercoledì e Giovedì:
8:30 – 12,30 / 14.30 – 18.30

Lunedì e Venerdì:
solo su appuntamento chiamando
il numero: 0544 502078

Indirizzo

Museo, Uffici e centro ricambi
Via Faentina, 175/a
Fornace Zarattini
48124 Ravenna (Italia)

Contatti

Contattaci dal Lunedì al Venerdì
dalle 8.30 – 12.30 / 14.30 – 18.30
Tel: +39 0544 502078
Fax: +39 0544 502079
Email: info@collezionevespa.it

Contatti

Per maggiori informazioni contattaci telefonicamente oppure compila il modulo sottostante.